venerdì 26 dicembre 2003

A CHRISTMAS CAROL ovvero: per tutto il resto c'è Mastercard



Dopo la cena, nelle quale il toporagno non aveva proferito parola ed era rimasto lì , col suo sorriso cricetesco stampato sul volto,venne il momento della tombola.
La famiglia Marmotta, memore dei precedenti penali del toporagno, fece di tutto per far vincere il galeotto.Il quale raccolse i soldi e continuò nel suo silenzio di tomba.
La notte sopraggiunse rapida.La marmottine chiusero a chiave le loro porte e sotto le coperte tremavano dalla paura.
A un certo punto della notte, il toporagno uscì in corridoio, e urlando disse" Uscite fuori, dai, che non lo faccio piu'!"
Timidamente, i roditori uscirono dalle stanzette e si raccolsero in corridoio."E' Natale, porco giuda, per chi mi avete preso?" Un applauso scatto' fragoroso, e i roditori felico cominciarono a scodinzolare felici attorno all'ospite.
A un certo punto, il toporagno caccio' fuori la sua 44 magnum e fece secchi tutti.
"Stupide marmotte del cazzo, pensavano di farla franca" e scese giu ' in soggiorno, dove accese la televisione e mise su il dvd di Pulp Fiction.

sabato 20 dicembre 2003

Favoletta morale VI-Natale alle porte


Il Natale si stava avvicinando, e nel bosco la vita degli animali ferveva.L'accumulo di provviste per la sera di festa era frenetico.In casa Marmotta i preparativi raggiungevano picchi di parossismo."Perchè quest'anno non invitiamo una persona bisognosa a cena per Natale?" -esordi' giulivo il
roditore-"Dai, facciamo una buona azione!"
Telefono al vecchio barbagianni, che faceva il parroco.
"Avremo un detenuto appena uscito dal carcere!Pensate, un amico solo soletto a cui donare tanta amicizia e compagnia!"
Arrivò la sera di Natale.
Il campanello suonò festoso.La marmotta andò scodinzolando ad aprire.
Dal buio del bosco, rischiarato dalla luce della tana, apparve lui, con un sorriso stampato sul volto.



Il toporagno della Nuova Zelanda.

martedì 9 dicembre 2003

certi posti che mi vengono in mente di notte tardi

in certi posti puoi entrare senza pagare. puoi vedere intere rassegne cinematografiche senza pagare. in certi posti invece è meglio non entrare e non esserci. come strada mia che una settimana fa hanno ammazzato uno. e in certi posti c'è la polizia di piantone ventiquattro ore al giorno. in altri posti le persone sono gentili ed educate e sono tutti vestiti a festa. sono gli aperitivi fiorentini dove appena arriva il cibo sui vassoi tutti si danno le gomitate e si fanno avanti. in certi altri posti il bere non costa niente perchè è la festa di qualcuno e quindi tutti li ed esserci. ed in certi posti una ragazza francese con una bellezza di copertina ti invita a ballare. e tu accetti e balli con lei in quel posto. in certi posti le luci di natale le mettono a metà novembre. forse per dimenticare presto che l'estate è appena finita. ed in altri posti le luci di natale sono forti ed abbaglianti e le strade piene di gente ti danno l'impressione di essere in una stanza chiusa anche se sei all'aperto. e le strade sono vetrine da osservare e da non toccare. belle. in altri posti vicino le vetrine manca sempre in modo cronico la carta igienica e l'acqua. certi posti multipiano. e sono aperti a tutti, certi posti. certi posti dove c'è sempre un buon profumo. posto di incontro di diversa gente e di diverse situazioni. certi posti sono tane. dove c'è sempre bella musica ed un bel pezzo in sottofondo.

sabato 6 dicembre 2003

Nuovi livelli di degrado

La mia vita sociale è arrivata a un punto ancora + basso.
I miei mi chiamano che stanno uscendo a divertirsi.
Mio padre, età 54.
Mia madre,età 53.


IO, età 25, a casa da solo a uccidermi di seghe.


giovedì 4 dicembre 2003

Favoletta Morale V- A volte ritornano

E venne l'inverno nel bosco.Tutte le creature , a partire dallo scoiattolo a finire al gufo, si preparavano per affrontare la stagione.
Nel bosco innevato, un toporagno della Nuova Zelanda si aggirava smarrito.
" Che cazzo chi faccio io qui? Cacipotissifariuvrueduccull'ossaichitemmuertu!"- esclamò nella sua lingua.Da lì si trovava a passare la marmotta che lo invitò a casa sua al tepore.
La soffocante gentilezza e il buonismo imperante sopraffarono lo straniero, che durante la notte si ritrovò ad elaborare pensieri strani.
Dopo poco, entrò nella camera della marmotta e strangolò lei con il filo dell'abat-jour e uccise il marito a martellate.Nella camera degli anziani bastò soffocarli col cuscino.
Alla polizia che il giorno dopo lo arrestò dichiarò:"Mi stavano sul cazzo.E poi facevano la spesa al Conad."

martedì 2 dicembre 2003

DE NIRO PROVA

*****
prova immagine


fine prov

*****
notte tardi e provo a mettere un'immagine sul blog ma con scarsi risultati... mi mandate una mail dove mi spiegate come si fa??
F I N E - C O M U N I C A Z I O N I - D I - S E R V I Z I O

lunedì 1 dicembre 2003

Presa diretta

è tutto ok mentre ne chiudo un'altra.

oggi è stata una giornata assurda e ve lo voglio dire. ieri sera che era sabato c'è stata una festa a casa id questa Triana spagnola molto molto figa. e poi sono andatro a dormire alle cinque le sei di stamattina che era domenica. e mi risveglio alle quattro del pomerriggio. cazzo alle quattro. epppoi verso le cinque le sei che io in pratica mi ero quansi svegliato, viene giorgiono che mi dice che vuole andare a fare un aperitivo e raggiungiamo ferro e irene la donna più bella del mondo a piazza santos spiritos. e rimaniamo li fino alle undici quansi mezzanotte. poi a casa con giorgino che se ne è andato un'oretta fa. e fine giornata. ed ora scrivo sul blog. giornata assurda dicevo.

i bilgietti del bus sembrano fatti apposta.

e come ogni anno non vedo l'ora di tornare a casa per le feste. al paese natale. stare con le persone che mi vogliono bene. e stare bene semplicemente passeggiando e chiacchierando e girando senza nulla fare. mentre si osserva e si discute e si giudica anche e vabbè. che alla fine noi siamo quelli buoni.

tutto si risolve in quattro secondi. in tre mosse.

e non mi va nè di agitare le acque ne di soccombere sotto esse. ora che ho strappatu tutti gli scontrini del supermercato. ora che riesco a respirare tranquillo, non mi va di agitare le acque nuovamente.



giovedì 27 novembre 2003

il sole che risplende fino alla fine il sole che risplende fino alla fine il sole che risplende fino alla fine

il sole che risplende fino alla fine.

mentre capitano cose che non sai. certe cose ritornano come boomerang. e devi stare attento sennò ti fai male. senno poi so cazzi.

colei con la quale divido il moi appartemento, tesora mia, sale i primi di dicembre e non vedo l'ora perchè la casa, mi si perdoni il dolce e il miele, è mezza vuota.

con colei sale un bel gatto. strana ironia della sorte. direttamente dalla balsisicata, arriva un gatto qui in casa. e sono contento perchè sono curioso e chissà com'è. so già che a tratti sarà da incubo pulire il piscio dappertutto ma non fa niente. i gatti sono belli. mi ricordano baudelaire. e lo chiamiamo pepita o peperita, una cosa del genere. e, a dirla tutta, il nome glielo avevano già dato e il sottoscritto non è stato interpellato... e si sarà capito che a me non piace molto. ma alla fine è solo un nome.

voi come lo chiamereste un gatto?

staseram mentre parlavo al cellulare sotto la pioggia fuori da un locale, ho trovato venti euro per terra.

io lo chiamerei cat

come catherine

come katie


e mo perchè? mah.. non so

e ho visto mezzo "fino all'ultimo respiro" di jean luc goddard. spero si scrivi così. e devo dire che è un film che spacca. anche se è in bianco e nero ed è degli anni sessanta, non sembra. non stai stanto lì a pensarci quando osservi jean-paul belmondo che passeggia per le stade di parigi con l'americana che è bellissima e bionda e non i capelli a caschetto. e le bettute sonoa nche intesessanti e si vede che hanno un bel copione i personaggi. se vi capita dategli un'occhiata. se vi capita. non si dice così?



eppoi nulla. buona fortuna a tutti.

mercoledì 26 novembre 2003

Autunno

E finalmente scoppiò l'autunno.
Da ieri mattina la mia tesi è in tipografia.
Penso che festeggeremo la mia laurea il 28 Dicembre sera a Canalicchio. Dovrebbero esserci tutti ad Amantea, mayhem compreso ( così me pare)


lunedì 24 novembre 2003

Re:sun in shining

Io la ascolto quando vado a correre.

il sole che risplende fino alla fine

segue testo di bob. secondo me questa è la sua canzone più bella. e, dato che ancora la tecnologia non mi permette di mettere il file mp3 su Nettezza umana, riporto il testo. here i stand. to te rescue.


sun is shinng bob marley
... Wo - o - wo!
Sun is shinin', the weather is sweet;
Make you want to move your dancin' feet:
To the rescue, here I am!
Want you to know, y'all, where I stand!
- Instrumental break -
(Monday morning) Here I am!
Want you to know (Tuesday evening) just if you can
Where I stand.
(Wednesday morning) Tell myself a new day is risin';
(Thursday evening) get on the rise a new day is dawnin'.
(Friday morning) Here I am!
(Saturday evening) Want you to know just -
Want you to know just where I stand!
When the morning gathers the rainbow,
Want you to know, I'm a rainbow, too.
So, to the rescue, here I am!
Want you to know just if you can
Where I (stand) - know - know - know - know -
Know - know - know - know.
- Guitar solo -
We'll lift our heads and give Jah praises - a!
We'll lift our heads and give Jah praises, yea - eah!
(Sun is shining, the weather is sweet now
Make you want to move your dancing feet)
So, to the rescue, here I am!
Want you to know just if you can
Where I (stand) - know - know - know - know where I stand
(Monday morning), scoo - be - doop scoop - scoop!
Tuesday evening, scoo - be - doop scoop - scoop!
Wednesday morning, scoo - be - doop scoop - scoop!
Thursday evening, scoo - be - doop scoop - scoop!
Friday morning, scoo - be - doop scoop - scoop!
Saturday evening, scoo - be - doop scoop - scoop!
So, to the rescue - to the rescue - to the rescue, all right! And so...
- Instrumental break -
Awake from your sleep and slumber:
Today could bring your lucky number, er - er!
Sun is shining (and the weather is sweet)
Sun is shining (and the weather is sweet)
Sun is shining (and the weather is sweet)
Sun is shining (and the weather is sweet)

- fadeout -



il sole è splendente - bob marley
Wo, o, wo!
Sun è splendente, il tempo è dolce;
ti fa desiderare di muovere i tuoi piedi danzanti:
fino alla fine, sono qui!
Voglio che tu sappia, si tutto, dove sto in piedi!
- Interruzione strumentale -
(lunedì mattina) sono qui!
Voglio che tu sappia (martedì sera) appena se puoi
dove sto in piedi.
(mercoledì mattina) dire a me stesso, un nuovo giorno sta sorgendo;
(giovedì sera) arrivando in cima un nuovo giorno è calato.
(venerdì mattina) qui sono!
(sabato sera) voglio che tu sappia appena -
voglio che tu sappia dove sto in piedi!
Quando la mattina raccoglie l'arcobaleno,
Voglio che tu sappia, che anche io sono un arcobaleno.
Così, fino alla fine, sono qui!
Vuoi che tu sappia appena se tu puoi
Dove io (sono), sappi, sappi, sappi, sa
-- sappi, sappi, sappi - sappi.
- Assolo di chitarra -
Solleveremo le nostre teste e daremo elogi a Jah
Solleveremo le nostre teste e daremo elogi a Jah eah!
( il sole è brillante, il tempo è dolce ora
ti fa desiderare di muovere i tuoi piedi danzanti) così, fino alla fine, sono qui!
Voglio che tu sappia appena se tu puoi
Dove io (sono), sappi, sappi, sappi, sappi dove io sto in piedi
(lunedì mattina), scoo - be - doop scoop - scoop!
La martedì sera, scoo - be - doop scoop - scoop!
La mercoledì mattina, , scoo - be - doop scoop - scoop!
La giovedì sera, scoo - be - doop scoop - scoop!
La venerdì mattina, scoo - be - doop scoop - scoop!
La sabato sera, scoo - be - doop scoop - scoop!
Così, fino alla fine, fino alla fine, fino alla fine, tutto bene! E così ...
- Interruzione strumentale -
Svegliato dal tuo sonno e dal tuo sonno:
Oggi potrebbe portare il tuo numero fortunato!
il sole è brillante (e il tempo è dolce)
il sole è brillante (e il tempo è dolce)
il sole è brillante (e il tempo è dolce)
il sole è brillante (e il tempo è dolce)


- fadeout -

gelati

solo ora, dopo delucidazioni arrivatemi dal lungomare (ingegneri che passeggiano?), ho capito l'ultima immagine di mayhem. io pensavo, illudendomi innocuo, che rappresentasse un capezzolo l'immagine. ed invece... tipo la pubblicità di vanity fair versione italiana, pensavo... e invece...

e l'immagine di cui sopra mi fa ricordare di quella volta qualche anno fa che mayhem mi illuminò con una delle sue massime. io mi stavo come al solito lamentando per qualcosa, credo il freddo, e lui, sorridendomi e con il suo sguardo un pò così, mi disse: meglio un culo gelato, che un gelato nel culo. e allora capii.

baci e buonanotte.

domenica 23 novembre 2003

Ravanazioni nasali

Quante volte ci è capitato di volerci scaccolare nei momenti più inopportuni, sentendo quel lieve pizzicorio che istintivamente fa estendere il dito e lo fa introdurre nelle narici?
Spesso.Rispondo io al posto vostro, chè sono più sincero.

Le soluzioni al problema sono molteplici:
1-Fazzoletto, soffiata vigorosa e ottimismo
2- Fazzoletto, dito, posoto dove non ti vede nessuno
3- Un cazzo, fai le facce strane sembrando di essere vittima di una embolia polmonare.

L'alternativa?
Fazzoletto, simulazione di gioco di prestigio, e una notevole faccia di cazzo.

venerdì 21 novembre 2003

RE:tutti a casa

Sono molto confuso sul tutti casa...risposte complesse a questioni complesse. Un uomo che vive nel carcere di Pisa, Adriano Sofri, di istinto cerca di sbrogliare il guazzabuglio,
qui .

tutti a casa

prima di andare a nanna do un'occhiata al sito di republica. altra strage in iraq. perchè non se ne tornano tutti a casa?


il mondo va a puttane...

speriamo bene.

mercoledì 19 novembre 2003

Tu balli con i lupi? Ed io passeggio con le marmotte!

Mi è sovvenuta una barzelletta che voglio a tutti i costi pubblicare:
Un tizio va in giro col pene di fuori e indossa un preservativo con su scritto "AIDS".
Un signore, incuriosito, gli domanda:"Scusa, chi vvo diri sa scritta?"
E il tizio gli risponde: "Si ma suchi si leje ADIDAS"


Lo so, stiamo scadendo, ma non è colpa mia: se compri della noccioline ricoperte di ciccolato tedesche è indubbio una certa tendenza all'umorismo teutonico.

In altre nius:
Indovinate quale panettone comprerà per Natale il roditore?

Post introspettivo (pure troppo)

martedì 18 novembre 2003

Doppie "l"

Dopo Kill Bill (che poi sarebbero 4), Dogville...

presenze e assenze

PRESENZE
mio fratello i primi di dicembre qui a firenze con amico
jagulla perchè quando ci becchiamo stiamo bene insieme
un'esame in più sul libretto
fotografie che abbiamo messo su la camera oscura a casa di massi ed enz
il blog e i suoi componenti

ASSENZE
lo scontrino del supermercato (per fortuna... a quando la porssima novella,mayem?)
il concerto di dofrmaister ma va bene così non fa nulla
jagulla perchè non ci becchiamo mai
cla perchè è scesa a casa e mi dispiace che qui a casa si sente la sua mancanza e poteva rimanere qualche giorno di più e sbrigati a salire. sorriso. ti volgio bene. e speriamo che ci vediamo prima che lei vada in india...
la dark perchè compare ocme una cometa.. ah ah

e non fa niente. baci.

lunedì 17 novembre 2003

assenze non sospette

“Gli esperti che studiano l’antica Grecia dicono che all’epoca la gente non si considerava padrone dei propri pensieri. Quando gli antichi Greci formulavano un pensiero, era perché una divinità aveva deciso di dargli un ordine. Apollo gli diceva di essere coraggiosi. Atena di innamorarsi. Oggi la gente vede la pubblicità delle patatine al formaggio e si fionda fuori a comprarle, però la chiama libero arbitrio. Almeno gli antichi greci erano più onesti.” Chuck Palahniuk.
Trimane? Uno normale ed uno monco…Tricefalo o Sestimano, credo.
Perché l’sms “fascista!”?
Bello autismo da blog.
Ieri mattina, apparizione inattesa del roditore padano su via margherita.
Aria di elezioni: luminarie già pronte.

domenica 16 novembre 2003

Dedicato a

Noto delle assenze sospette su questo blog trimane.

Sta calando al sera qui, nel cuore verde d'Italia.L'umido che oramai sta prendendo forme umane mi guarda fisso , e sembra ridere di me, assorto nell'autismo da blog.

Ho fatto un acquisto: una pistola ad aria compressa.
Sto facendo impazzire i vicini, e la cosa mi diverte.

Tra poco ritorno a lavorare, ai miei pazienti e a un film che sto rippando da un dvd.

Insomma:

martedì 11 novembre 2003

Spostamenti e vincoli

oggi è martedì.

ti svegli lunedì mattina e sai che all'esame che è stato fissato da due mesi al 17 di novembre manca una settimana. poi all'una e mezza ti dicono che l'esame è venerdì 14 e non lunedì 17. ergo, tutto il finesttimana che avevi pronosticato di dedicare al ripasso generale, te lo hanno rubato. il 14 mattina alle nove quello ti aspetta per sentirti parlare di Lavori Virtuali, ceniere, vincoli e gradi di vincolo, momenti, tagli e normali. e tu che fai? stringi le chiappe e vai venerdì mattina. con buona pace.

domenica 9 novembre 2003

solo roba (a via panicale)

e passa di tutto sotto la mia finestra. la mia via panicale. che ogni volta che mi affaccio mi viene regalato un quadretto diverso. passano donne e bambini. passano puttane e papponi. ci sono i tossici duri a morire che li riconosci al primo sguardo. quell’aria disfatta e nulla li porterà a come quando erano bambini. e non si riesce manco a trovare fumo qui a via panicale. ma solo roba per i fattoni duri a morire. passa gente di colore e passa gente che poi non passerà mai più. girano macchine di mille tipi diversi e biciclette di dubbia provenienza. passa la madama e passano i caramba. passano signore benpensanti ingioiellate di tutto punto. e passano coppiette mano nella mano o altre ancora che litigano di brutto. passano i punkbestia con i loro cani dall’aspetto ferocissimo ma in fondo buoni. passano studenti che hanno il passo veloce e deciso in direzione della stazione che se non si sbrigano perdono il treno. passa gente che invece sta venendo dalla stazione e te ne accorgi perché hanno le valigie con le rotelle e sono pesantissime le valige lo vedi dalla loro mole. passano i meravigliosi bimbetti di colore come anche i bimbetti cinesi che sembrano appena usciti da un manga. passano anche ragazze di una bellezza inconcepibile, alte e slanciate e perfette nelle loro movenze, non si curano di nulla e guardano avanti a loro attraverso le lenti a specchio fumo e camminano sicure anche se non devono andare in nessun posto. passa gente che cammina ciondoloni, lenta lenta con una mezza sigaretta accesa in mano.

e passano un sacco di personaggi caratteristici. personaggi che comunque hanno un ruolo. e se mi affaccio di notte vedo che passano le guardie giurate con i bigliettini che devono inserire nelle saracinesche chiuse dei negozi per far vedere che hanno fatto il loro dovere. il loro dovere da bravi sbirri di seconda mano. per non parlare poi di quando i banchetti di san Lorenzo chiudono al tramonto o aprono all’alba.

solo roba. solo roba sotto via panicale. solo odori fortissimi a qualsiasi ora del giorno e della notte. odore di kebab o di pneumatici bruciati. a via panicale solo certe facce che davvero faresti meglio a.
girano certi tipi loschi e spesso si accompagnano a tipi alquanto puliti ma che qualcosa di losco devono averci pure loro. ed è come un formicaio via panicale verso le sei, le sette si sera. piccole formiche che hanno una forza complessiva assurda. e vedi certi traffici che non sai. e ci sono certe scene e certi rumori davvero da film. come stasera che sento l’allarme di una macchina con la batteria scarica in continuazione. ed è un suono molto strano e ripetitivo. e so che prima o poi arriverà il proprietario per portare via la macchina e far cessare l’allarme. ma fino ad allora. fino ad allora a via panicale ci sarà sempre una certa atmosfera. una certa aria che la fa sembrare una di quelle strade urbane oblique che brulicano e sono bellissime. ma di una bellezza struggente.
e solo roba a via panicale.

leopolda

vorrei andare a vedere kill bill perchè jimenez mi ha detto che è bello. sto smettendo di fumare come mi ha consigliato mayhem. davvero. fumo al max due sigarette al giorno. sono soddisfatto e lascio il viizo all'angolo così è meglio.

stasera dovevamo entrare alla stozione leopolda che ci stava o kruder o dofminister, uno dei due, e c'era tanta di quella gente che hanno chiuso i cancelli. ed intere flotte di fiorentini in libera uscita per il sabato sera chic. tacchi a punta e camicie a quadretti a manetta. e vabbè... alla fine io et qualcun altro siamo rimasti fuori. c'era una calca talmente massiccia che sembrava animata. non c'entrava uno spillo. e mi è venuta tutto d'un tratto un pensiero... ok, io non riesco ad entrare perchè l'entrata è ostruita della moltitudine di gente ma se uno da dentro vuole uscire fuori? non può.

a questo punto è maglio rimanerne fuori.

e nulla.

baci.

mercoledì 5 novembre 2003

Radici

Trovo profondamente ingiusto che un individuo giovane, nel fiore degli anni, passi le sue giornate rinchiuso in un ambiente malsano, fra persone malate, vessato, sottoposto a pressione psicologica in vari modi, ricattato,costretto ad immagazzinare dati e informazioni magari a lui medesimo poco utili o addirittura dannosi.
Trovo ingiusto che tale individuo non possa godere della luce del sole, stendersi sull'erba per assaporarne l'odore fresco, correre libero, flettere i propri muscoli e farli guizzare sotto lo sguardo compiaciuto di una ragazza.
Trovo ingiusto che tanta forza, tanta gioia di vivere vengano sprecate così.

Peccato che i miei superiori dissentano da questi pensieri.

Aridateme la vita.

sabato 1 novembre 2003

Un giorno mi rimpiangerete, sì, mi rimpiangerete.

Perchè hanno tolto la Canale come annunciatrice?Io me la immaginavo , da adolescente, che nuda sul lettone diceva"Adesso trasmettiamo una sonora chiavata!Buon proseguimento e felice serata!" prima che me la trombassi.

Qualcuno mi diceva ieri che faccio ritornare all'asilo, per come mi comporto.Faccio tornare bambini.Mah.

Questa sera la NettezzaTV trasmette un film dal titolo:
Santa Maradona
Interpreti:
Elianto:Roberto Benigno
Iagulla:Stefano Accorsi
Supermercontonnaressa:Zeudi Araya
Famigli:Jimenez e Mayhem in loro stessi
Trama: La squallida rappresentazione di una convivenza impossibile viene interrotta da una puntata di Mila e Shiro.
Alla fine di questa, una serie di equivoci e colpi di scena portano Iagulla a diventare cameriere presso una nota struttura ricettiva calabra.

mercoledì 29 ottobre 2003

Secondo me l'ultimo post di Mayhem è un piccolo pezzo di lettaratura e non dovrebbe essere sottoposto a censura: sa scrivere come una marmotta vorrebbe ma non riesce
...cmq io domani parto: due giorni a bologna a fare una serena cerimonia degli addii (di un tempo della vita che è già finito da tempo) e quindi è nostalgia più che cerimonia degli addii e poi a Roma a vedere Dylan.
Vivo in simbiosi con il Pc e non so se riuscirò ancora ad avere familiarietà con gl esseri umani...

ah ho visto KILL BILL: è un film fantastico e mo mi viene voglia di fare una recensione, di parlare della sigla (BANG BANG cantata da Nancy Sinatra) dei titoli di testa tradotti (anche casting tradotto con casting) per fare parodia,credo,dei b-movies 70s-80s, dell' "anime", di questo pezzo di cinema che sotterra MTV e gli effetti di tanto cinema attuale(anche gli ultimi due matrix purtroppo), di questa torta da compleanno tutta pan di spagna e wermuth...e poi la scena iniziale come tutte le scene inziali dei films di tarantino(operetta morale, direbbe qualcuno), di UMA, e del seguito che sperò darà una trama a questa tetta di cinbema che mi sono sucato da solo in un cinema di Cs sabato sera...

cmq non posso pensare che alle conventicole di troie e al soggetto del film di mayhem...:)

martedì 28 ottobre 2003

E' umido, qui nel cuore verde d'Italia.
Una umidità che ti scava dentro le ossa, riesce fuori e fa "ma ciao!".

Si posta quando si ha voglia, e si evita di scrivere cazzate, chè anche l'aria ha un peso.

Io di brave ragazze le incontro sempre, mai incontrate troie.A chiederlo alle donne, se hanno amiche zoccole, ti diranno di no.
Io penso che le troiette siano tutte fra di loro, un circolo chiuso all'esterno, e passeranno il tempo a scoparsi la gente, senza fare amicizia con le ragazze normali.
Riuscire a fare breccia in coltal circolo dovrebbe essere un affare.

Non ho voglia di rieditare la canzone.Va bene così come è.


Programmi per la serata.Questa sera la RAui propone il film:
L'ultimo bacio
Con:
Shiro:Water Nudo
Supermercontessa:Flavia Vento
Elianto:Roberto Benigno
Jimenez:Pierfrancesco Loche
Mayhem: Steve Buscemi
Sorella della Supermercontessa:una letterina qualsiasi"ullallaullalalaullallalaaaa"

Storia:Il pallavolista ama la Supermercontessa che ama Elianto il quale confida a Jimenez e Mayhem la sua passione per le scope nel culo.Da qui nasce un simpatico equivoco che sfocia nelle corna di Shiro.

e qui a firenze è cominciato di nuovo il freddo vero

e qui a firenze è cominciato di nuovo il freddo vero, quello che non ti aspetti la mattina quando sei ancora avvolto sotto il piumone. ora sono quasi le cinque del pomeriggio e tra un'oretta devo andare a lezione di statica. si, alle sei del pomeriggio, anche a me sembra un'ammazzata, ma che vuoi farci?

fa abbastanza freddo e, anche se non ci azzecca nulla col freddo, ho deciso di modificare un pò il testo che avevo messo qualche giorno fa. l'ho sostituito con dei pintini sospensivi tra parentesi tonde. alla fine volevo farlo leggere solo a mayhem e a jimenez e a non molti, quindi mi è sembrato giusto toglierlo. dato che la vita è strana e io non ho il bullock in macchina. inoltre,a chi non conosce tutta la storia, tutto il testo non direbbe granchè, tanto vale mettere i puntini sospensivi.

comunque sia queste giornate non sono male. sono uscito definitivamente da due fuochi che mi stavano un pò bruciando ed il freddo di questi giorni finali di ottobre mi aiuta a raffreddare le ustioni.

ascolto i doors che vengono da camera mia mentre scrivo con il computer di C che il mio non ne vuol sapere di connettersi ad internet. in camera di C c'è un casino che non si riesce a descrivere con le parole. ma è bello perchè è un disordine sistematico.

ho ripreso a frequentare assiduamente la facoltà e ho beccato una ragazza carina e gentile. ma forse le brave ragazze,come dice qualcuno, non fanno per me. meglio, forse.

e, un pò banalmente, in queste giornate freddissime, mi manca il mare e tutto quello che rappresenta. e so che l'estate è ancora lontana che è appena cominciato l'inverno. ma che vuoi farci?

è da un pò di giorni che nessuno posta. che fine avete fatto? baci fraterni.

giovedì 23 ottobre 2003

mostreranno pure le farite ( e non c'è niete di male) ma non mostrano le immagini anali: non si vede !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

qualcuno sa come posso trovare corel draw 5 o 6 che quelli superiori non mi girano ?

bella l'idea della caduta da cavallo:da Omero a Leopardi :)
'naaaaaaait!

Paranoia dura

UFFICIO RILEVAMENTO POSIZIONI

Lo sapevo.Qui non si può mostrare un attimo di debolezza, che subito tutti si levano i cerotti e mostrano le ferite.Vabbè.
Questo blog è anche questo.Si è più uomini a piangere, a volte.

La canzone dovrei rielaborarla, ma visto che mi cogliete in un periodo neoclassico, proporrei Alla supermercontessa
caduta da cavallo
.Ma anche no.

Poi.Pensavo una cosa.Forse le persone non sapranno mai a pieno quanto ci mancano o ci sono mancate:le parole a volte non hanno forza...

Ok, dopo aver mostrato il lato intimistico, torniamo al solito regime.



Deciso:quest'anno si tromba in culo. A titolo informativo.

((...))

magari ho un pò esagerato con il supermercato ed il mercato di san lorenzo.

ma la verità è che non mi importa.

:->

i've got no time...

for the corner boys...
Non ho tempo, quindi rifilo una lista di curiosità da un 'altro
blog.

Vabbeh....ma lo sapevamo di qualte tempra è fatto Elianto!!! Baci, anzi, pacche sulle spalle.

mercoledì 22 ottobre 2003

il supermercato ed il mercato di san lorenzo

sono le sei e venti del pomeriggio circa. internet in camera mia non va a causa dell’abbonamento o chissà a causa di che. per scrivere sul blog devo scrivere in camera di claudiola perché lì, strano caso, internet funziona alla perfezione.

appena letto l’ultimo post di mayhem e vorrei dirgli tante cose. che noi in qualche modo obliquo siamo un po’ guerrieri. vorrei dirgli che tutti sono bravi quando la vita sorride e sono tutti palloncini colorati e facce sorridenti. e vorrei dirgli che uno dimostra quello che è davvero quando le cose intorno non si concatenano. quando le cose fra di loro stridono e non sembrano avere un qualche senso apparente.

e sarebbe bene se mayhem si dedicasse a mettere in rima la storia di mila e shiro due cuori nella pallavolo. io, dal canto mio, vorrei far leggere ad entrambi (jimenez e mayhem) questo pseudo testo scritto prima della lunga (ma mica tanto) pausa (ma mica tanto) estiva (questo si). lo scrissi di getto e con un bel po’ di cattiveria. e poi mi era venuto in mente di spedirlo a shiro senza aggiungere altro.

ai miei amici di blog avevo accennato un po’ di tempo fa a questo testo e ora ve lo voglio far leggere. è un testo che ora non ha alcuna importanza perché dentro me i sentimenti sono cambiati da allora, ma che farci? tutto scorre come qualcuno disse, ma non tutto si dimentica, come dico io.

e dato che gli scritti rimangono e le parole volano. e dato che magari rimarranno in pagine in codice binario queste qui, non riusciranno a volare comunque. mentre tutte le parole spese e pronunziate in quella cameretta in via crati con intorno foto di loro. mentre tutte quelle parole sono volate e rimangono solo gli scritti.
***
ed ora lo so che ci vorrebbe un’altra katie in teoria. forse solo così riuscirei a non sentire caldo nei prossimi giorni. solo così riuscirei a non devastarmi. perché sono quasi sicuro che i prossimi giorni non saranno propriamente belli. saranno cupi e duri ed il sole ed il caldo fuori non ti aiuteranno per nulla ma anzi li maledirai più e più volte. ed attendi. non puoi far altro. stasera ti era anche venuto in mente di partire per ++++++ domattina per poi parlare con lei per poi tornare a firenze domenica sera. ma non mi sembra il caso. ora non mi sembra il caso. forse non se lo merita. merita la finale interregionale di pallavolo con il pallavolista. che sembra sia redento. sembra che lei gli sia ancora affezionata. ed il caro dome può cordialmente uscire dalla porta di servizio. ok.

(
E a volte la vita ti viene incontro. Perché io dall’inizio di questa pseudostoria me lo ripeto continuamente. Loro non ti potranno togliere la tua vita. La contessa e il pallavolista non potranno scalfire la tua vita. Possono turbarti, innervosirti, abbatterti anche, ma la tua vita rimane questa e sempre questa. A loro il lungomare sulla moto seicento blu, a te spezzoni di film in tecnicolor sulla tua bici nera nel centro storico di firenze. A loro il supermercato, a te il mercato di san Lorenzo. A loro le serate in pizzeria con la carta copiativa e a te le cene in case che non sai e che non vedi l’ora di visitare. A loro la sicurezza che invecchia, a te l’indeterminatezza di ogni azione. A loro la tranquillità che fa tanto bene. A te il caos che ti mantiene vivo. 24/05/2003 ore20.20

)

(...
...
...)
perché, semplicemente, in quello che fate non c’è niente.


sabato 7 giugno 2003

***


e dal sette di giugno ne è passata di acqua sotto i ponti, diciamo. è passato un po’ di tempo ma non molto. questa cosa non la farò mai leggere a nessuno di voi perché, semplicemente, non capireste.

e a dire il vero incazzato e cinico e duro come quel sette di giugno poi non sono più stato. e oggi, 22 ott. 03, non ricordo nemmeno perché scrissi tutta sta roba contro di loro che alla fine non mi hanno fatto nulla. non ricordo nemmeno perché scrissi tutta sta roba contro di LUI che alla fine non mi ha fatto nulla. ma che vuoi farci?

baci. aspetto mila e shiro due cuori nella pallavolo.


Vabbeh...

Potresti, visti i tuoi fulgenti passati omerici ( e mi riferisco alla jagulleide), restaurare un noto hit di Cristina d'Avena sulla storia (poco epica...stavolta...più condita di melassa amanteana spalmata sulla passeggiata della mattina del Santo Natale) su due autorevoli campioni. Vuoi un indizio ? questa immagine ti suggerisce qualcosa ?


e se non ricordi il testo originale, qui è presente.

Sono troppo avogadro del diavolo eh...?
Saluti a tutti quelli del vicolo e spero che Elianto mi perdoni...

martedì 21 ottobre 2003

Al mattino cade la nebbia

Mi sento solo.
Si può dire in un posto come questo, rigonfio di cazzate?
Visto che di questo vicolo sono il padrone dell'unico affaccio e dalla mia finestra piscio quando mi pare, lo dico.
La mia ragazza adesso è in giro , lontano da me, con amiche.Chissà dove è.Chissà cosa fa.
A me manca un pezzo di cuore, sono solo e avrei voglia di gridare.
Ma sono qui, in un delirio autistico fatto dello tic tic dei tasti, mentre il mondo gira, la gente fa cose, qualcuno sopra di me fa rumore, insomma mentre la vita accade.
Qualcuno mi ripagherà di questo?
E se lo farà, sarà abbastanza?

Non credo.
Comincio a credere in poche cose, oramai.
Tempo fa era diverso.
Adesso no.Doppi fini, sotterfugi, scorrettezze la fanno da padrone.Io mi adeguo.Cambio in peggio.
Ho un mattone sul petto e non me lo leva nessuno.
Qualche amico mi chiama, un'altra mi fa uno squillo.
Ma non basta,basta solo a ricordarmi che sono vivo.
Sono vivo e vegeto.Sono vivo.E vegeto.

Aiuto.

pensierino

preferisco il secondo cielo. ma ammetto la somiglianza dei due.

è durato così poco il mio soggiorno giù a casa che sembra quasi che sono andato a prendere un caffè a piazza beccaria.

ora sono quasi le otto e tra un pò vado a cena a casa di enzo e massi. ho provato a chiamare claudiola ma il suo cell, dopo aver squillato un pò e poi risposto, è diventato muto d'un colpo. oggi tutta la mattinata all' UNIFI a seguire lezioni di scienza. e domani con l'autoreverse. a manetta. baci

cieli di vaniglia...

Primo


Secondo

domenica 19 ottobre 2003

Adios Pepe

RISSA (aka: pensierino prima di prender davvero sonno....)

e vorresti essere un guerriero. poichè solo i guerrieri sanno affrontare la lotta. coloro che conoscono alla perfezione le tattiche della guerra. come avanzare e quando. che mosse fare e sanno assimilare le piccole sconfitte. prendono fiato al momento giusto e scatenano la tempesta al tempo esatto. come quando una sera marco mi raccontava delle risse che ha fatto in vita sua. da novello begbe mi ha svelato la regola d'oro di ogni rissa. bisogna stare ai margini, colpire nella mischia e ritirarsi, colpire e ritirarsi. tocca e rientra. tocca duramente e rientra subito velocemente. e mi sembra di cogliere una leggerea similitudo tra le risse che mi raccontava begbe e la vita in generale. mi ha detto che se stai dentro, al centro, prendi solo un sacco di mazzate e rischi di farti davvero male. se stai dentro. stai sotto e non puoi reagire. e la similitudo continua ed è vero che se stai troppo al centro della vita, se ti fai coinvolgere troppo attivamente, prendi una sacco di mazzate. mentre, standone fuori, entrando al momento giusto, compiendo le azioni a tempo, non ti fai male e, come in ogni rissa che si rispetti, leggermente ubriaco e stonato, sorridi dalla contentezza.
tra qualche ora si torna a casa. beh... casa... si torna comunque, diciamo. e in questa notte un pò finale, mi piace ricordare la vignetta di Vauro che esce domani con il manifesto e che ricorda la morte di Montalban. ci sono due angeli su una nuvoletta e uno dice all'altro riferendosi evidentemente ad un misterioso nuovo arrivato:"Dice che non ha bisogno di ali..." e l'altro angelo risponde:"a lui basta una penna...

metterei volentieri la vignetta sul blog ma non so come si fa... se lo fate voi, lo apprezzo....

e domani si torna su. e non si sa quando si torna giù. domani con mayhem ci facciamo quattro ore e mezza di fs e poi le nostre strada si divideranno fino alla prossima volta. ma va bene così.

come dicevano un pò retoricamente i verve su un campione delle pietre rotolanti, è una sinfonia agrodolce. questa vita.

beh... ora vado a dormire. spero di non sognare inquietudini. spero di rivedere presto jimenez. a mayhem lo vedo tra qualche ora chje mi viene a prendere con il brother neo-ingegnere.

spero di poter postare presto di nuovo.

sabato 18 ottobre 2003

The who...

Come era quelle canzone di Ligabue..."la radio che passa neil young sembra avere captio chi sei" o cose del genere...ora la radio ha passato the kids are alright degli who e ha capito cosa volevo.Piove No Cosenza, ma devo stare al pc che palle per la tesi che palle...ma sonos ereno.
Pioggia,inverno, aria di bolliti e di libri letti senza sudare.
Ma ora sono interrotto dalla tel. di elianto...
fatevi il biglietto.

venerdì 17 ottobre 2003

Punti.

Molti punti da chiarire:
1. presunto? non direi...almeno secondo il concetto di verisimiglianza che si è affermato nel mondo occidentale dopo il caso Melissa P.
2. a proposito di sotto, non so se elianto si prefiguri posizioni per il party di stasera e al quale mayhem parteciperebbe come un mariocapanna nel '68, tirando uova marce. Io non lo so cosa farei: io aderisco alla corrente dei terzisti (e non potete avere obiezioni in quanto i trenta sono l'età terza per eccellenza e per ragioni di decadi).
3.Se poi sotto e violenza(di mao&la rivoluzione) sono il programma del party suddetto, vabbeh....allora noto una salutare convergenza fra la favoletta morale (mayhem dove cazzo è il gatto che l'ho cercato tutta la favoletta?) e i propositi eliantei.
4. Ieri sera ho detto una bugia: liv tyler è moooolto meglio della biondina-tigre.E poi non credo che lyv utilizzi stimolatori elettrici per glutei e cosce.
5. Ho scritto il mio primo curriculum: sabato(prox) devo fare il mio primo colloquio. Forse è l'ultimo tour di Dylan.
6.Forse è tempo di andare a correre, in questa aria "inerte e senza memoria" (Montale).

rimasto sotto

comunque qualcuno c'è rimasto sotto alla storia del presunto sposalizio della marmotta....
la rivoluzione
non è un pranzo di gala,
non è una festa letteraria,
non è un disegno o un ricamo,
non si può fare con tanta eleganza,
con tanta serenità e delicatezza,
con tanta grazia e cortesia.
la rivoluzione è un atto di violenza.


mao tze tung

Sposare una marmotta e' come inculare un gatto-Favoletta Morale III

La vista da lassu' era splendida.
Una vallata, con in fondo le case del paese.
Il sagrato era ricolmo di persone, venute da ogni dove per assistere al matrimonio.La chiesetta di campagna era stracolma di parenti e amici.La sposa era vestita molto semplicemente, con un abito candido e lungo che le lasciava maliziosamente scoperta la schiena.Lo sposo indossava un tight, i suoi capelli neri corti incorniciavano un viso raggiante.
La marcia nuziale inizio' con volume sottile, e la sposa comincio' a muoversi lentamente verso l'altare accompagnata dal cugino.Arrivata al'altare, guardo' il suo futuro sposo con quello sguardo che solo le spose hanno verso i propri futuri mariti, carico di dolcezza e tenerezza infinite.
Un boato squarcio' la chiesa.Da dietro l'altare salto' fuori un orso, che con una zampata colpi' a morte la sposa, e un grosso picchio entro' volando e defeco' sul cadavere della sposa.
La vita e' una beffa.

mercoledì 15 ottobre 2003

sono le tredici e venti di mercoledi mattina. sono in un punto internet con la tastiera consumata che gli americani si vede che usanol un sacco le email. accanto a me ce ne sta uno se sembra uscito da Fargo. ho appena deciso di prendere il treno e venire alla laurea. mi sto organizzando alla buona per scewndere qual;che giorno cosi vi vedo a tutti e due. vedo alb che si laurea, cosi vedo il marecosi vedo mamma e papa`. a tra qualche ora. baci

martedì 14 ottobre 2003

Se dormi con un cane sei feticista

Vincenzo era un bel ragazzo , di quelli che hanno successo con le ragazze e le donne di una certa età al suo passaggio sospirano per non avere più vent'anni.
Brillante, Vincenzo.Un vero uomo.
Lo hanno trovato l'altro giorno, vestito da donna,calze a rete minigonna e tacchi, con il cranio spaccato, dentro un fosso, sulla Tangenziale.
Faceva il viado.
Brillante, Vincenzo.Come solo i viados sanno essere.

martedì 7 ottobre 2003

Agenda Jimenez...

Smozzicato: sul tragitto amantea-paola vecchie radio ribattono le canzoni che ascoltvo andando al liceo 15 anni fa..(Esterina,The Reflex,SilviaLoSai,SnngYourName...).O forse non sono storiche emittenti ma è solo che il riflusso (quello degli anni '80) paga. Visto il nuovo Allen:ti viene voglia di una vacanza a NYC. All'ouzo bar puoi anche andare, prendere una Ceres, mangiare una pizzetta e leggere Survivor e gli altri avventori( anche quello con la maglietta ti via lupu!) non ti scrutano:sempre ouzo girls all'ouzo bar.
Arrivati i biglietti per dylan( 1-11 PalaEur).
L'unical mi annoia.
Forse riuniti gli accoliti del presente blog in occasione laurea fratello di uno dei tre.
Le marmotte tacciono, e come direbbe mayhem, anche gli affini.
Mi viene in mente il concetto di"famiglio" affibbiato da mayhem alla cameriera del Pipistrello.
Survivor, di Palahniuk, è libro del mese...


venerdì 3 ottobre 2003

Signorina, i guanti per favore.

"dotore, mi scusi se la disturbo...fforse le provoco un ornitoedema..."
"cosa hai detto? ripeti per cortesia!/
"no, dicevo forse la secco"
"no, quello dopo"
"L'ORNITOEDEMA?"
"ecco, si...da dove vieni?"
"da Roma...Gemelli"
sei un fottuto genio..ehm..ti dispiace se me la rivendo ad altri?
"no, faccia pure"
"grazie...dicevo io viva le importazioni"

giovedì 2 ottobre 2003

Avviso per i naviganti....

Sto leggendo Survivor, un libro all'ammersa( paperone dixit).

Qui.

Elogio della lentezza

La lentezza è aristocratica e la nobiltà è d'obbligo...

martedì 30 settembre 2003

Complimenti si.

Ok non ci saranno tanti amici con cui passare la giornata di domani, ma è una consolazione immaginarti in una squadra come questa

più che in questa altra

e non è poco...

Poi c'è qualcuno che in un solo giorno terrestre ne compie 88 di giri (peccato non siano 78 come le primi incisioni dei blues) intorno al sole...

Complimenti per la festa

Domani si conclude il mio 25mo giro intorno al sole.
Sono solo adesso, in un posto che ancora non mi appartiene.Non ho un amico da andare a trovare.Nessuno con cui scambiare 2 chiacchiere.Un Cazzo di Nessuno.
Meglio.Non dovrò offrirgli niente.

Ci vorrebbe un blues.

Tu ispettore sanitario svizzero e il mio cuore un ristorante bengalese


domenica 28 settembre 2003

Operazioni nuove spiaggie.

In questi giorni di sollazi e di clima moooolto temperato, vado in giro nell'Alto Tirreno a scoprire spiaggie e leggere lo scrittore di cui sotto accompagnato da 4 Cds (2 di caetano veloso 2 di Joao Gilberto...ammetto del post-rock e dei system of a dawn non me ne frega niente, proprio niente). La prima è una spiaggia nei dintroni di Capo Bonifati, con le palme(sic!) la sabbia fina fina e quelle massicciate alle spalle che già somigliano al Pollino.
Poi a Cosenza lo OUZO BAR e la "Ragazza del Gibuti" , ma questa è un'altra storia.

Chuck Palahniuk.

Ci siamo sempre fidati di $Paperone$ e le sue Papere.Che babbei! Non si pronucia Palaniùk, bensì Polanick (sic!).
Sto leggendo il nuovo Ninna Nanna, da consigliare ai miei accoliti del blog con tanto affetto.Cito a memoria:"Le risate messe come sottofndo nei talk-show americani sono state registrate negli anni 50.Sentiamo ridere persone oramai morte". Niente male.

Sbleah Out!

Ok, vado a dormire presto, mi sveglio ed un sms di eliantea fattura, mi annuncia una fonda notte(le 4) con Firenze nuda come mamma l'ha fatta.Un pò d'invidia, ma passa...accendo la radio ed è muta come il papà l'ha fatta(Marconi) e così il resto.Vedo le candele ancora sanguinanti di una madre sveglia dalle 5 e le vrascere unseasonal delle palazzine di fronte...attentato? invidia parigina per la nuite blanche della nostra capitale? uno sfregio ambientalista? una trasversale minaccia dei nostrani costruttori di centrali per sollecitarne nuove costruzioni alla faccia dei francesi? Mah, per ora sembra un albero svizzero, scuro come la cioccolata e così forato da cadere...luoghi comuni.

venerdì 26 settembre 2003

"adesso vai e sputtanati" firmato B.

4. The general who thoroughly understands the advantages that accompany
variation of tactics knows how to handle his troops.

5. The general who does not understand these, may be well acquainted with the
configuration of the country, yet he will not be able to turn his knowledge to
practical account.

sun tzu

Photo quotes, pt II.

The wild & the Innocent...



Nota alla foto di classe.

Nella foto di classe ci sono due donne importanti della mia vita e due donne importanti nella vita della tua password di questo blog. Credo vi orizzonterete...


giovedì 25 settembre 2003

Mi ricordo...sì io mi ricordo

Mi ricordo dell'odore, che a me arrivava all'altezza di allora(1 metro e qualcosa!), e i sacchi che intravedevo dentro...Ricordo anche questa dove io e Domenico giocavamo ignari di tutto quello che sarebbe stato dopo.
E ripenso anche a un ragazzo, che rompeva le palle, e che adesso non c'è più, e proprio lì ci siamo azzuffati un paio di volte.Se io avessi saputo e lui avesse saputo, nulla sarebbe successo.
E mi ricordo il suono della saracinesca quando ci sbateva conto il supersantos, vecchio e malandato oramai ovale, e mi ricordo di suoni odori e del mare, ora che sono qui, lontano da tutto e da tutti, sbattuto dalle onde della vita.
Mi ricordo, oh, certo che mi ricordo,come al liceo...

PhotoQuotes1

It's gonna be a glorious day...


mercoledì 24 settembre 2003

Il Karma, il Coma ed altre quisquilie...

Spero che per Elianto giunga a piombo il karma, che Mayhem non sia in coma (visto il cirillico postare) e che, soprattutto, io possa sentire questo aroma di muschio che passa dal balcone aperto.
Nota per mayhem: ti ricordi quando Sasà aveva la torrefazione del caffè vicino casa di tua nonna( in un luogo definito ora motolandia) e l'aroma del torrefatto inondava il quartiere? Sono troppo vecchio e mi perdo in nostalgie bambinesche.

Karmacoma, Giamaica and Roma? ? ?

vorrei tornare a postare spesso ma mi hanno staccato il telefono a casa. ora sono in un internet train vicini piazza santa croce.

a firenze mi lecco le ferite...

...come dice qualcuno, Karmacoma, Giamaica and Roma(?)

baci

ЕБАТИ И ДЪРТАТА ПРЪСКАЧКА ..ТОВА ПУТКАТА НЯМА НАЧСВАНЕ

martedì 23 settembre 2003

Like the rolling stones?

Ma perchè i rem hanno scritto una canzone che sembra it's the end of the world? Perchè pubblicano un'antologia? Perchè fanno un video figo?
Mah

Sta casa aspetta te!

Elianto ritorna, sta casa aspetta te...

Marmotta's day...

Sono appena tornato da una pizza con la marmotta:è il suo compleanno!

Adriano Sofri ed il calcio di rigore...

"Al di la di ciò,però,credo che il massimo che ci si possa aspettare da una vita generosa sia tirare al lato un calcio di rigore decisivo, eppure in modo che nessuno si accorga che hai proprio voluto tirare fuori".

lunedì 22 settembre 2003

domenica 21 settembre 2003

any given sunday...



...ancora a studiare, porca!


sabato 20 settembre 2003

Lunedi', somewhere in Calabria


Bello il "poster", grazie...qui ancora si può andare al mare:stamani ho reimmerso le pudenda nel mar di Coreca.Ma la ghiotta notizia è il prossimo re-riparare della Marmotta nella sua Tana Lunedi':temo di dover fare l'accompagnatore in struggevoli giri di shopping....ma che mangiano le Marmotte?Ghiande,pinozze....mah!

Ing. Jimenez (Come Diego Piu' di Diego)


venerdì 19 settembre 2003

News.

Esame superato:tra il 15 ed il 19 Dicembre mi laureo.

NOIA

giovedì 18 settembre 2003

tomorrow is a long time...

Non vorrei rompere l'armonia di questo non luogo in cui non si parla, giustamente, quasi mai, dei cavoli personali ma domani devo sostenere il mio ultimo esame...ma a mezzogiorno andrò ad immergere il mio corpo nel mare nostrano: tanto, da noi, Isabel non arriva.
Qui c'è un omonimodi nostra conoscenza...bye ;-)

molecole

prendi ad esempio quando ti tagli ad una mano. quando ti procuri un taglietto piccolo piccolo e poco profondo. ad esempio quando ti tagli con un foglio di carta. o con il bordo affilato di una lattina di pelati aperta, come è successo a me oggi. un leggerissimo taglietto sul dorso finale del medio sinistro. ci sono questi taglietti che danno un fastidio boia ogni volta che vengono sfiorati. ogni volta che fai qualcosa e te ne sei già dimenticato di quel taglietto del cazzo, allora ecco che qualcosa tocca e ti fa male e ti ricordi di avercelo quel dannato taglietto, proprio lì. ti accorgi di quanto ti serva tutta la mano. ti accorgi che usi il dorso della mano come il palmo. quel centimetro quadrato che ora ho indolenzito causa lattina di metallo, mi serve più di quanto mai pensassi. e quindi, di riflesso, ti rendi conto che tutto serve anche quando non sembra. solo questo.

ogni singola molecola delle cose.

mercoledì 17 settembre 2003

bello

bello il new look. sembra quasi fatto da un architetto.

ciao stocco paperone. :-)

Saluti.

Buongiorno Dottò!
Ventura.... Highway, of course...

niente male...

il nuovo look e la nuova operetta morale :)

martedì 16 settembre 2003

Favoletta Morale III (avanti dai fammi venire)


In vista dell'inverno, lo scoiattolo decide che e' giunto il tempo di fare provviste.Lesto lesto sale su un albero per raccogliere delle ghiande, quando incontra un picchio che ha deciso di fare li' il suo nido."Ciao, amico picchio! Come mai hai deciso di fare qui il tuo nido?" "Perchè qui posso stare lontano dagli scoiattoli cagacazzo come te" rispose evasivamente il pennuto."Perche' mi rispondi male, non dovremmo essere tutti amici e vivere in pace?" "Hai ascoltato troppi dischi dei Beatles, caro il mio scassaminchia." Detto questo, si librò in volo e defeco' copiosamente sulla testa dello scoiattolo."Perchè mi caghi addosso?" lamentò il roditore,cercando di scrollarsi di dosso la merda."Perchè sei il cugino della marmottaaaaaaa!!!!!" urlò questi, ripetendo in picchiata un'altra copiosa cagata sullo scoiattolo.

anche mayhem...

aveva
un cugino importante...ragazzo così ragazzo di storia. Ma anche vitaminico.

re: Cugini

...allucinante.

aspetto impressioni di Mayhem...

basito

non ci posso credere. sono rimasto basito.

e chissa' che ne pensa mayhem... secondo me ci scappa un'altra favoletta morale...

lunedì 15 settembre 2003

Cugini...

Chi di voi ha un
cugino così? Guardate i suoi record , il suo calendario, la foto scattata dalla sua cugina preferita...mah...la razza è razza!
Che ne pensi Mayhem?
Grazie per le canzoni di eminem.

em(piccolo reprise...)

ho sbagliato a formattare....

the way i amhalie's song = (the way i am) e (halie's song)

sono due canzoni diverse...

em

causa bolletta biblica non posso scrivere molto spesso. speriamo bene per il futuro.

em ha scritto un bel po' di pezzi con testi belli ad es

the way i amhalie's song (dedicata alla figlia con merda sulla ex moglie)
when the music stops (lui fa la parte iniziale ed e' molto bello)
the real slim shady (testo ironico che spacca)
purple hills (con i Dirty 12)
lose yourself (8miles soundtrack)
...

poi vedi se riesci a scaricare I GOT FIVE ON IT featuring Eminem che e' un pezzo assurdo.
e secondo me I GOT FIVE ON IT |da luniz| e' uno dei pezzi hip hop più belli mai fatti.

(((i Ditry 12 sono quelli che facevano hip hop con eminem quando ancora non se lo cacava nessuno. e a quei tempi fecero un patto tra loro. il primo che riesce a sfondare, si porta dietro gli altri. così ha fatto eminem... grosso.)))

.......But fuck it, it's over. There's no more reason to cry no more. I got my baby, baby the only lady that I adore / (Hailie). So sayonara, try tommorra, nice to know ya......."Halie's song "

Favoletta Morale- II


Una marmotta incontra un gufo alla sorgente."Ciao Gufo , amico mio!" esordisce con gioia la marmotta.
"Amico...conoscente direi." ribatte il gufo.
" Ma come, nel bosco non siamo tutti amici"?
" Manco per il cazzo" rispose il gufo,e volando verso il pieno della foresta defecò copiosamente in testa alla marmotta.

howlin' bob meets Eminem....

"E benché i padroni facciano le regole
Per i saggi e per gli stolti
Io non ho niente, mamma, per cui vivere"

Mi segnalate qualche canzone di Eminem da scaricare? Ho Stan sul mio Pc e mi fa venire i brividi....Eddie Vedder ? una scoraletta! Anzi Eddie Vedder
rompiballe!!

liv

società… speriamo non snc, societa a nome COLLETTIVO. dato che il sottoscritto non vuole dividere niente con nessuno. :-)

bella liv tyler. la ricorda. :-)

ed ora vado a nanna non pensando tanto alla bolletta ma più che altro alla giornata che mi aspetta domani.

domenica 14 settembre 2003

RE:480 euros...

Più sul se verranno ripagati, mi soffermerei su chi siano i beneficiari:uno è certamente la Società (non intesa come collettività che si da regole e leggi)...ma anche una coleisembiante.Soldi spesi bene, secondo il mio modesto parere.

telefono

mi è arrivata una bolletta del telefono di 428euro.

non ho sbagliato a scrivere: 428euro

no ho parole. verranno mai ripagati dalla vita, tutti questi euro ?

:->

"il mio ultimo idolo..."

Così diceva
Dylan di woody guthrie.
non posso fare a meno di mettere questo testo di dylan.

jimenez mi sa che già lo conosce. a proposito, chi è whoody guthrie?

**
ULTIMI PENSIERI SU WOODY GUTHRIE
Bob Dylan

Quando la tua testa si distorce e la tua mente è stordita
Quando pensi di essere troppo vecchio, troppo giovane, troppo scaltro o troppo muto
Quando resti indietro e perdi il tuo passo
nel lento progredire del cammino affaccendato della vita

Non importa cosa stai facendo se inizi ad arrenderti
se il vino non arriva alla cima della tua coppa
se il vento ti spinge di traverso con una mano che trattiene
e l'altra che comincia a scivolare ed il sentimento è finito
ed il motore a scoppio del tuo treno ha bisogno di una nuova scintilla per partire
e la boccia è facile da trovare ma tu sei troppo pigro per afferrarla
ed il tuo marciapiede incomincia a curvare e la strada diventa troppo lunga
e tu inizi a camminare a ritroso anche se sai che è sbagliato
e la tristezza cresce mentre il giorno volge al termine
e la mattina di domani sembra così lontana
e senti le redini del tuo pony scivolare via
e la tua fune scivolare perché le tue mani sono sudate
ed il tuo copri sole ti lascia e le vallate sempreverdi
si fracassano sui bassifondi e nei viali pieni di spazzatura
ed il tuo cielo piange acqua e le tue tubazioni delle fogne perdono
ed i lampi scintillano ed i tuoni si fracassano
e le finestre sbattono e si rompono e il soffitto trema
ed il tuo intero mondo sbatte violentemente
ed i tuoi minuti di sole si trasformano in ore di tempesta
ed a te stesso a volte dici
"Non ho mai saputo che andasse in questo modo
perché non me lo hanno detto il giorno che sono nato..."
ed inizi a infreddolirti ed a saltare dalla stanchezza
e stai cercando qualcosa che non hai ancora completamente trovato
e sei immerso fino alle ginocchia nell'acqua scura con i capelli all'aria
ed il mondo intero sta a guardare da una finestra che ti fissa
e la tua bella ragazza ti lascia e vola via lontano
ed il tuo cuore si sente male come i pesci quando vengono fritti
ed il tuo martello pneumatico cade dalle tue mani sui tuoi piedi
e tu ne hai davvero bisogno ma è appoggiato sulla strada
e le tue campane sbattono fragorosamente ma tu non riesci a sentirne il rumore
e pensi che le tue orecchie potrebbero essere danneggiate
o i tuoi occhi si sono rigirati schifati dal vedere una tale e cieca sporcizia

e senti fallire l'affannosa corsa di ieri
dove eri preso in giro di fronte a quattro fonti d'acqua
e per tutto il tempo stavi tenendo tre regine
e diventavi matto, e diventavi mediocre
come nel mezzo di una vita da rivista
animato vicino ad un flipper

e c'è qualcosa nella tua mente che vorresti ti dicessero
che qualcuno da qualche parte dovrebbe essere sentito
ma è intrappolata la sua lingua e chiusa la sua testa
e questo ti secca fortemente quando sei steso nel tuo letto
e non importa come e quanto ci provi, tu semplicemente non puoi dirlo

e sei impaurito dalla tua anima e dovresti solamente dimenticartelo
ed i tuoi occhi nuotano nelle lacrime nella tua testa
ed i tuoi cuscini di piume diventano coperte per la testa
e la bocca del leone è aperta e tu sei nei pressi dei suoi denti
e le sue mascelle incominciano a chiudersi con te sotto
e sei disteso sulla pancia con le tue mani legate dietro
e vorresti non aver mai fatto quella scelta all'ultimo bivio

e dici a te stesso cosa sto facendo
su questa strada sulla quale cammino, su questa pista che sto percorrendo
su questa curva sulla quale sono sospeso
su questo sentiero sul quale gironzolo, nello spazio che sto utilizzando
in questa aria che sto respirando
sono troppo confuso, eccessivamente confuso
perché sto camminando, dove sto correndo
cosa sto dicendo, cosa sto conoscendo
su questa chitarra che suono, su questo banjo che uso
su questo mandolino che strimpello, in questa canzone che canto
nel motivetto che canticchio, nelle parole che scrivo
nelle parole che penso
in questo oceano di ore nel quale sto tutto il tempo a bere
chi sto aiutando, chi sto distruggendo
cosa sto dando, cosa sto prendendo

ma tu provi con tutto il tuo animo
a non fare mai questi pensieri e non lasciare
mai che essi guadagnino terreno
o farebbero battere forte il tuo cuore

ma poi ancora tu sai perché sono lì attorno
aspettando solo di poter dormire e riposarsi
perché a volte li senti quando la notte trascorre lentamente
ed hai paura che ti prendano mentre dormi
e salti dal tuo letto, dal tuo ultimo capitolo di sogni
e non riesci a ricordare nonostante tu faccia del tuo meglio
se eri tu nel sogno quello che strillava
e sai che è qualcosa di speciale quello di cui hai bisogno
e sai che non c'è nessuna droga buona per curarti
e nessun liquore sulla terra per fermare l'emorragia dalla tua testa
ed hai bisogno di qualcosa di speciale

Si, naturalmente hai bisogno di qualcosa di speciale
Hai bisogno di un velocissimo treno volante sul tracciato di un tornado
per lanciarti da qualche parte e per riportarti indietro
ci vuole un ciclone su un torrente d'acqua
che è stato sbattuto, teso e spinto dal vento
per sempre
che sappia i tuoi problemi un centinaio di volte meglio di te
Hai bisogno di un levriero che non ostacola nessuna corsa
che non sorride al tuo sguardo
alla tua voce o alla tua faccia
e che con qualunque numero di scommesse nel libretto
corre lontano oltre la moda della gomma da masticare
Hai bisogno di qualcuno che ti apra una nuova porta
per mostrarti qualcosa che hai già visto prima
ma che ti è sfuggita un centinaio di volte o più
Hai bisogno di qualcuno che ti apra gli occhi
Hai bisogno di qualcuno che ti faccia sapere
che sei tu e nessun altro che possiede
questo puntino nel quale sei, questo spazio nel quale siedi
che il mondo non ti ha battuto
che non sei stato superato
può farti diventare pazzo non importa quante volte tu potresti essere mandato fuori

hai comunque bisogno di qualcosa di speciale
hai bisogno di qualcuno di speciale che ti dia la speranza
ma speranza è solo una parola
che forse dici o forse senti
in qualche ventilato angolo di una curva ad ampio raggio

ma è questo quello di cui hai bisogno, e ne hai bisogno subito
ed il tuo problema è che lo sai fin troppo bene
perché guardi ed inizi a raffreddarti
perché non la puoi trovare su una fattura in dollari
e non è più sulla finestra di Macy
e non sulla mappa di viaggio di un ricco ragazzo
e non è nella confraternita di un grosso ragazzo
e non è fatta in nessun chicco di grano che cresce ad Hollywood
e non è su questo confinato palco
con un mezzo commediante su di esso
sbraitando e farneticando e prendendoti i soldi
e tu pensi sia buffo

No non puoi trovarlo in nessun night club o yacht club
e non è nel piatto di una cena dell'alta società
e sicuro come l'inferno tu sei costretto a dire
che non importa quanto forte strofini
tu non lo troverai nella tua matrice del biglietto
no, e non è nelle chiacchiere della gente che ti parla
e non è nella lozione per i foruncoli che la gente ti vende
e non è in nessuna casa di cartone
o sotto alcun giubbotto di qualche star cinematografica
e non puoi trovarlo sul campo di golf
e Zio Remus non può dirtelo e neanche Babbo Natale
e non è nella spuma per i capelli o nei graziosi vestiti di cotone
e non è nei manichini dei magazzini o nelle gomme da masticare
e non è nel rumore lento e molle che può fare una torta di cioccolata
che arriva inaspettata tra le confezioni di natale
dicendo non sono carino e non sono attraente e guarda la mia pelle
guarda la mia pelle brillare, guarda la mia pelle ardere
guarda la mia pelle ridere, guarda la mia pelle piangere

quando non puoi ancora capire se ti hanno preso qualcosa dentro
queste persone così carine con i loro nastri ed inchini
no non lo sarai adesso e neanche un altro giorno
lo trovi sul gradino fatto di giornali davanti alla tua porta
e dentro le persone fatte di molassa
che ogni giorno comprano un nuovo paio di occhiali da sole
e non è nelle cinquanta stelle dei generali o nei telefoni scossi
che potrebbero fregarti per un decimo di penny
che respirano e ruttano e si piegano e si spaccano
e prima che tu possa contare da uno a dieci
fai tutto ancora una volta tranne quello che ti sei lasciato dietro amico
Gli unici che girano e trattano e ruotano
e giocano con ogni altro nel loro mondo di sabbia in scatola
e non lo trovi nemmeno nello sciocco senza talento
che corre lì intorno valorosamente
e fa tutte le regole per quello che ha talento
e non è in quelli che non hanno alcun talento ma pensano di averlo
e pensano di prenderti in giro

L'unico che salta sul vagone
solo per un attimo perché sanno che è in stile
prenderlo a calci, uscirne presto
e fanno tutti i tipi di danaro e di bambine

e gridi a te stesso e ti getti sotto il tuo cappello
dicendo, "Cristo dovrei essere come questo
non c'è nessuno qui che sa dove sono
non c'è nessuno qui che sa come mi sento
grande Dio onnipotente
QUESTA COSA NON E' REALE"

No ma questo non è il tuo gioco, non è neanche la tua corsa
puoi sentire il tuo nome, puoi vedere la tua faccia
devi guardare da qualche altra parte
e dove guardi per trovare la speranza che stai cercando
dove guardi per trovare questa lampada che sta bruciando
dove guardi per trovare questo olio sgorgante
dove guardi per trovare questa candela che sta ardendo
dove guardi per trovare questa speranza che tu sai è li
e fuori da qualche parte

ed i tuoi piedi possono solamente percorrere due tipi di strade
i tuoi occhi possono solo vedere attraverso due tipi di persiane
il tuo naso può solo fiutare due tipi di ingressi
puoi toccare e girare
ed aprire due tipi di maniglie

puoi andare o alla chiesa di tua scelta
o puoi andare al Brooklyn State Hospital
Troverai Dio nella chiesa che hai scelto
troverai Woody Guthrie nel Brooklyn State Hospital

E sebbene sia solo la mia opinione
e può essere giusta o sbagliata
li troverai tutti e due
nel Grand Canyon
al tramonto
**

e le serate settembrine si trascinano via lente e come giusto che sia settembre. mentre fuori fa finta di piovere. ma non fa freddo che si può ancora stare senza maglia con la finestra aperta a postare davanti al computer... baci.

sabato 13 settembre 2003

Guida per i naviganti...

Per chi si voglia raccapezzare un pokito, l'origine del nome Elianto:
Il nome Elianto, viene da due parole greche, "helios", sole,e "anthos", fiore. Il Girasole era venerato come simbolo del sole dagli Inca del Perù e poi dagli Indiani d'America. Secondo la mitologia, Clizia, una ninfa acquatica morta di crepacuore per il tradimento del dio del sole Apollo, fu trasformata in Girasole.Ma è anche un libro di
Stefano Benni.
Vedo che il nostro Mayhem ci va con la penna grassa e virulenta con le sue operette morali.Godo sempre a leggerlo,
in bocca al lupo per il trasloco ed il resto. Su tutte le le sfumature del nome Mayhem, ci sto lavorando, ci sto lavorando, non ti preoccupare...

i got 5ive on it (reprise)

dato che data errore... rieccolo:

Smokin crips to the night to the brains for breakfast
Cause for the in-do fins do the evil that men do,
Give me fi-ve and I shall proceed and continue


spero che stavolta è tutto ok...

povera marmotta

Favoletta Morale I


Un bel giorno una marmotta si trova nel bosco in cerca di bacche, quando ecco che incontra un grosso orso.
"Dove vai, marmotta?"
"Cerco bacche da rosicchiare, amico orso"
"Anche io cerco cibo, e una marmotta calda è quello che co vuole" e detto questo con una zampata blocca la codina della marmotta, che tremante dice:"Ma...ma...ma non dovremmo essere tutti amici, qui nel bosco?Perchè vuoi mangiarmi?"
"Non ci cagare il cazzo" e dicendo ciò, estrae di tasca una pipa da crack e se la accende.Dopo due tiri profondi, l'orso socchiude gli occhi"Prenditela con quei cazzo di spacciatori negri...", estrae un revolver e fa fuori la marmotta spappolandogli il cranio.

Entro, esco e son contento

Come i miei compagni d'avventura noteranno, un post doppio è sparito.Il mio ruolo di fondatore( maddechè?) mi permette di editare, ma non editerò mai nulla se non eventuali errori di postaggio.Il post di Elianto non so come ma dava un errore di runtime del motore java del blog.Spero che non me ne voglia se ho dovuto cancellarlo.

Poi:
Sto completando il trasloco.Tra qualche dì comincia una nuova avventura.

Io spero di cavarmela.

ecco.

ecco. dopo un pò di casini sono riuscito ad entrare con il mio nome elianto. ho impiegato diversi tentativi ma alla fine l'uomo ha vinto la macchina...

e da ora le cose sono complete. ci siamo tutti e si può partire.

un bacio a tutti.

forse ci siamo quasi...

ecco iggy pop...

mi sa che sto facendo un pò di casino....

non ho capito se ho preso involontariamente l'identità di mayhem...
elianto

prova

non hop ben capito se sono entrato...

Non siamo soli nell'universo.

Ecco a voi i NettezzaUmana ,punk-rock band del Bresciano.

Il mio angolo d'universo odierno...

è la quarta luna di Urano Oberon.
E Titanio? Alla prossima...
Ok...jimenez sa di sedie di stoffa, di radio a forma di sfere, di novità librarie e di pareti colme di Cd...s
Il paese natio oggi, alle 09:47, è attraversato da una fresca brezza che rende l'aria cristallina e permette di vedere stromboli, la costa a sud, le montagne a nord e di intuire il pericoloso profilo del monbgibello aka etna: presagi di cattivo tempo e di cattivo umore se mi ostino a fare il fabiofazio.
Nota dolente: è morto johnny cash

venerdì 12 settembre 2003

Cosi' , per festeggiare

Lamentati pure.Non servira'.

Ecco qui.
E' Nato.
Ha lottato con smottalamarmotta e altri...ma come fummo noi vincenti rispetto a miliardi di altri esserini con la coda tanto tempo fa, anche lui e' stato + veloce.Ed ha vinto.
Nettezza umana.
Sentite: N e t te z z a u m a n a
Adesso ci faccio pure lo spot:
nettezza umana: un altro modo per rimorchiare
bello bello.